La pulizia appartamenti Cesano Maderno è un servizio che, magari, ti sarebbe utile in questo momento. Non è così? Se sei “atterrato”, probabilmente hai già le idee chiare sulla scelta tra il fai-da-te e una ditta qualificata. Hai optato in favore della seconda, con lucidità di giudizio. 

Info e preventivi banner

 

 

Pulizia appartamenti Cesano Maderno

 

Lasciar trascurata l’abitazione, conferirle un’importanza marginale, un lungo andare si ritorcerà contro. In un ambiente poco o per nulla curato, lo sporco prenderà il sopravvento, con annesso rischio di contrarre infezioni. Dunque, anche solo per una questione di salute bisognerebbe accertarsi dell’esecuzione di un lavoro soddisfacente. L’idea di pensarci in autonomia è la meno indicata, visto che quasi certamente non ne sarai in grado. Occhio: non intendiamo svalutarti, semplicemente se esistono delle aziende specializzate un motivo ci sarà puro, no?

 

In effetti un motivo c’è, anzi ce ne sono diversi. Innanzitutto chi presta servizio ha dedicato anni della propria vita alla formazione, a sviluppare ed affinare le tecniche. Le capacità sono state coltivate, attraverso un percorso costituito da varie esperienze. 

 

Sentirsi arrivati è al contempo l’inizio della fine, pertanto è fondamentale tenersi aggiornati sulle ultime novità del settore. I grandi e i piccoli produttori di articoli per la casa immettono in commercio diverse proposte. Rimanere ancorati alla vecchia scuola è semplicemente una decisione priva di senso. I nostri operatori hanno i mezzi per distinguere ciò che è valido e ciò che non lo è. Inoltre, rispettano a pieno i requisiti imposti dal legislatore per quanto riguarda l’esercizio dell’attività. 

 

Imprese di pulizia: distinzione per tipologia (DM Industria n. 274/1997)

Le imprese, in forma societaria o individuale, che svolgono attività di pulizia devono ottenere l’abitazione. A tal proposito il Decreto Ministeriale Industria n. 274 del 1997, art. 1, comma 1, effettua la seguente distinzione: 

  • “pulizia – complesso di procedimenti e operazioni atti a rimuovere polveri, materiale non desiderato o sporcizia da superfici, oggetti, ambienti confinati ed aree di pertinenza
  • disinfezione – complesso di procedimenti e operazioni atti a rendere sani determinati ambienti confinati e aree di pertinenza mediante la distruzione o inattivazione di microrganismi patogeni
  • disinfestazione – complesso di procedimenti e operazioni atti a distruggere piccoli animali, in particolare artropodi, sia perché parassiti, vettori o riserve di agenti infettivi sia perché molesti e specie vegetali non desiderate
  • derattizzazione – complessi di procedimenti e operazioni di disinfestazione atti a determinare o la distruzione completa oppure la riduzione del numero della popolazione di ratti o dei topi al di sotto di una certa soglia
  • sanificazione – complesso di procedimenti e operazioni atti a rendere sani determinati ambienti mediante la pulizia e/o la disinfezione e/o la disinfestazione ovvero mediante il controllo e il miglioramento delle condizioni del microclima per quanto riguarda la temperatura, l’umidità e la ventilazione ovvero per quanto riguarda l’illuminazione e il rumore”

Ogni impresa può ricevere il permesso per una o più delle tipologie sopra enunciate, in base all’attività esercitata. 

Iscrizione nel registro delle ditte

La norma va a implementare quanto indicato dalla legge n. 82/1994, art. 1, comma 1, che recita così: 

“Le imprese che svolgono attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione o di sanificazione, di seguito denominate “imprese di pulizia”, sono iscritte nel registro delle ditte di cui al testo unico approvato con regio decreto 20 settembre 1934, n. 2011, e successive modificazioni, o nell’albo provinciale delle imprese artigiane di cui all’articolo 5 della legge 8 agosto 1985, n. 443, qualora presentino i requisiti previsti dalla presente legge”.

Sanzioni e la pena di nullità

L’art. 6 della legge 82/1994 sancisce delle sanzioni per chi sottoscrive contratti con imprese di pulizia non in regola: 

A chiunque stipuli contratti per lo svolgimento di attività di cui alla presente legge, o comunque si avvalga di tali attività a titolo oneroso, con imprese di pulizia non iscritte o cancellate dal registro delle ditte o dall’albo provinciale delle imprese artigiane, o la cui iscrizione sia stata sospesa, si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire 1.000.000 a lire 2.000.000 (da € 516,45 a € 1.032,91, ndr)”. 

Qualsiasi documento siglato, indipendentemente dalla forma, non ha valore, ma deve ritenersi nullo: “I contratti stipulati con imprese di pulizia non iscritte o cancellate dal registro delle ditte o dall’albo provinciale delle imprese artigiane, o la cui iscrizione sia stata sospesa, sono nulli”

Pulizia appartamenti Cesano Maderno: lo smaltimento dei materiali di scarto

 

Terminata la pulizia appartamenti Cesano Maderno ci occuperemo di smaltire i materiali di scarto. Buttarli nell’immondizia rappresenta una violazione di legge, andando smaltiti negli appositi centri di raccolta. Una disposizione resasi necessaria dall’esigenza di rispettare maggiormente l’ecosistema. I preoccupanti dati emersi da indagini scientifiche hanno obbligato ad assumere provvedimenti.