La nostra sede è a Milano e copriamo il circondario con la nostra impresa di pulizie. Se sei dunque alla ricerca di un team qualificato nella pulizia uffici Desio mettiti in contatto con un nostro operatore. Abbiamo tutti i requisiti adatti per venirti incontro. A partire dalla preparazione di chi figura in organico. Alle dipendenze abbiamo solamente gente seria, appassionata del proprio mestiere e intraprendente. 

Info e preventivi banner

 

 

Pulizia uffici Desio

 

Le competenze maturate nel campo nel corso degli anni di esperienza ci permettono di issarci fra le realtà leader. Gli addetti ai lavori sanno qual è la qualità del servizio offerta e ci prendono spesso a ispirazione. L’incessante corsa alla perfezione ci riempie di orgoglio e di volta in volta cerchiamo di stupire la domanda. Un punto d’arrivo è un nuovo punto d’inizio ed è questo lo spirito con cui affrontiamo le sfide quotidiane. 

 

Non siamo il genere di persone che si adagiano sugli allori. Con la clientela abbiamo preso l’impegno di garantire il massimo in termini di prestazioni. E ogni promessa è debito. Poniamo attenzione verso i nuovi prodotti immessi sul mercato dai marchi che vendono articoli per l’igiene. Li proviamo, li poniamo al confronto e, in base al piano concordato con la controparte, ci adeguiamo. 

 

Una delle cose di cui andiamo maggiormente fieri è rappresentata dall’ampia gamma di protocolli. Nello specifico, diamo la possibilità di scegliere tra la frequenza:

 

  • giornaliera; 
  • settimanale;
  • mensile;
  • stagionale.

 

La nostra attività è pienamente conforme alla disciplina introdotta dal legislatore italiano. Il propagarsi di finti tecnici, pronti a tutto pur di spillare denaro all’ignaro sottoscrittore, ha obbligato a prendere provvedimenti. 

 

Imprese di pulizia: distinzione per tipologia (DM Industria n. 274/1997)

Le imprese, in forma societaria o individuale, che svolgono attività di pulizia devono ottenere l’abitazione. A tal proposito il Decreto Ministeriale Industria n. 274 del 1997, art. 1, comma 1, effettua la seguente distinzione: 

  • “pulizia – complesso di procedimenti e operazioni atti a rimuovere polveri, materiale non desiderato o sporcizia da superfici, oggetti, ambienti confinati ed aree di pertinenza
  • disinfezione – complesso di procedimenti e operazioni atti a rendere sani determinati ambienti confinati e aree di pertinenza mediante la distruzione o inattivazione di microrganismi patogeni
  • disinfestazione – complesso di procedimenti e operazioni atti a distruggere piccoli animali, in particolare artropodi, sia perché parassiti, vettori o riserve di agenti infettivi sia perché molesti e specie vegetali non desiderate
  • derattizzazione – complessi di procedimenti e operazioni di disinfestazione atti a determinare o la distruzione completa oppure la riduzione del numero della popolazione di ratti o dei topi al di sotto di una certa soglia
  • sanificazione – complesso di procedimenti e operazioni atti a rendere sani determinati ambienti mediante la pulizia e/o la disinfezione e/o la disinfestazione ovvero mediante il controllo e il miglioramento delle condizioni del microclima per quanto riguarda la temperatura, l’umidità e la ventilazione ovvero per quanto riguarda l’illuminazione e il rumore”

Ogni impresa può ricevere il permesso per una o più delle tipologie sopra enunciate, in base all’attività esercitata. 

Iscrizione nel registro delle ditte

La norma va a implementare quanto indicato dalla legge n. 82/1994, art. 1, comma 1, che recita così: 

“Le imprese che svolgono attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione o di sanificazione, di seguito denominate “imprese di pulizia”, sono iscritte nel registro delle ditte di cui al testo unico approvato con regio decreto 20 settembre 1934, n. 2011, e successive modificazioni, o nell’albo provinciale delle imprese artigiane di cui all’articolo 5 della legge 8 agosto 1985, n. 443, qualora presentino i requisiti previsti dalla presente legge”.

Sanzioni e la pena di nullità

L’art. 6 della legge 82/1994 sancisce delle sanzioni per chi sottoscrive contratti con imprese di pulizia non in regola: 

A chiunque stipuli contratti per lo svolgimento di attività di cui alla presente legge, o comunque si avvalga di tali attività a titolo oneroso, con imprese di pulizia non iscritte o cancellate dal registro delle ditte o dall’albo provinciale delle imprese artigiane, o la cui iscrizione sia stata sospesa, si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire 1.000.000 a lire 2.000.000 (da € 516,45 a € 1.032,91, ndr)”. 

Qualsiasi documento siglato, indipendentemente dalla forma, non ha valore, ma deve ritenersi nullo: “I contratti stipulati con imprese di pulizia non iscritte o cancellate dal registro delle ditte o dall’albo provinciale delle imprese artigiane, o la cui iscrizione sia stata sospesa, sono nulli”.

Siamo attivi con il servizio di pulizia uffici Desio anche a:

Seregno

Bresso